BODY SHAMING, una pratica senza fine

Che dire amici miei, è successo un’altra volta ed a quanto pare, l’impunità totale nei confronti di questa pratica spinge i più stupidi ad esprimere la loro opinione non richiesta rendendo la vita impossibile agli altri.

Che cos’è il BODY SHAMING

Il BODY SHAMING è un termine inglese per indicare l’odiosa pratica molto in voga di insultare qualcuno a causa del proprio aspetto fisico. Si può venire insultati in modo più o meno velato. Si può subire apprezzamenti di ogni tipo ed a volte bisogna anche stare attenti a rispondere perchè se è un branco quello che ti sta insultando, rischi anche di essere preso a botte.

Questi insulti vengono elargiti normalmente da gruppi di persone e può accadere che comunque lo stupido di turno, così tanto ansioso di esprimere la propria opinione non richiesta, una volta messo a forza di logica con le spalle al muro, si difenda con frasi patetiche come: io lo dico per il suo bene oppure io stavo scherzando.

Essere oggetto continuo di questo genere di pratica può portare una persona fragile ad atti estremi di cui credo che sia meglio non parlare in questo articolo.


Che cosa è successo questa volta

Poiché io non posso tornare a casa ogni volta per mangiare a causa del fatto che, essendo imprenditore non mi sono mai dato una pausa pranzo, ho l’abitudine di andare a mangiare in una piccola bottega che a quanto pare resiste parecchio bene all’attuale crisi.

Fuori da questa si raduna un folto gruppo di pensionati i quali, per passare il tempo, hanno acquisito l’abitudine di canzonare le persone che attendono pazientemente il loro turno per entrare. I primi tempi, ho deciso di non fare molto caso alle loro risate perchè essendo sempre stato grasso ormai ero abituato.

Oggi però è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Una volta entrato in negozio, lasciandomi alle spalle le risate degli astanti, sono stato inseguito e raggiunto da una vecchietta la cui mira di gratificazione personale era quella di vedere che cosa volevo comprare io per pranzo.

Ho comprato un panino in più, perchè oggi veniva a trovarmi un mio amico e mi faceva piacere mangiare in compagnia una volta tanto.

La signora, non più giovane di ottant’anni ed a me completamente sconosciuta fino a quel momento, non perdeva occasione di farmi notare che quella era una porzione troppo grande per essere mangiata da una sola persona ed ha iniziato a fare delle battute ridendo di me sentendosi “a torto” complice con la proprietaria che in quel momento mi stava servendo. A quel punto ho perso la pazienza, usando un eufemismo, gli ho detto di non romperci i timpani e me ne sono andato.

Gli stereotipi da cancellare

Normalmente si pensa che a fare BODY SHAMING siano solo le persone giovani ma come la mia storia vi ha dimostrato non è così. Anzi, poichè non è la prima volta, lasciate che vi racconti che uno di loro in passato, parlando con la sua piccola nipotina, mi ha indicato dicendole: guarda come è grosso quello!

La morale della favola è che, sebbene si possa pensare superficialmente che questo scempio sia perpetrato da giovani, questi ultimi, da qualcuno devono aver pure ricevuto quella diseducazione. E contrariamente a quello che si può pensare, contro un branco di persone anziane, anche volendo, non si potrebbe vincere una causa nemmeno se si venisse presi a pugni dal momento che si è soli contro venti persone.

Posso non odiarli ed anzi li compatisco ma perchè ogni giorno della mia vita devo essere perseguitato in questo modo senza poter fare niente? E’ questa la civiltà di cui ci vantiamo tanto?

Io nelle scuole insegnerei più che altro che tutti vanno rispettati indipendentemente dal proprio aspetto fisico, questo genere di educazione civica è fondamentale.

Le reazioni di chi fa BODY SHAMING

Quando ho risposto alla gente che continuava a dileggiarmi ed insultarmi per la mia obesità che dovevano farsi gli affari loro e che non facevano ridere a nessuno ho ricevuto in quarant’anni sostanzialmente almeno una di queste reazioni.

Te lo dico per il tuo bene! Che in pratica vuol dire che siamo degli ingrati se ci sentiamo depressi a causa del fatto che la società ci dileggia e deride continuamente. Come se si potesse perdere cinquanta chili con due settimane di palestra e dieta. Come se la gente non ci avesse provato e soprattutto, come se fossero affari loro. La cosa sconvolgente è che in passato, quando io ero bambino, le persone che dovevano difendermi, quando rispondevo male, mi dicevano che gli altri, totalmente sconosciuti, lo dicevano per il mio bene.

Ecco, visto che ti esponi per il mio bene, trovami un lavoro migliore e paga le mie tasse visto che ti sacrifichi per me dicendomi i tuoi pareri non richiesti.


Chi risponde potrebbe essere anche picchiato! Se si tratta di una mandria o tribù di stupidi, si rischia anche di essere presi a botte. Questa eventualità diventa più probabile soprattutto fra giovani. Conviene sempre quindi come ho fatto io in passato, abbassare sempre la testa, pensare ad altro ed augurare tutto il bene del mondo a loro che hanno la fortuna di essere perfetti.

Quelli che lo fanno in gruppo sono dei vigliacchi! Come nel nostro caso, la gente fuori che ha sentito la mia risposta pacata ma determinata, quando sono uscito aveva gli occhi fissi sul terreno. Non hanno però la stessa fortuna persone molto più sensibili di me che si creano problemi psicologici che li martorieranno per tutta la loro vita.

A quando risale veramente il BODY SHAMING

Chi ha un briciolo di cultura, si ricorderà certamente che qualsiasi malformazione del corpo e della mente veniva demonizzata dai popoli antichi. Abbiamo testimonianze scritte di miti che affibbiano a persone malformate ruoli negativi. Una trasposizione cinematografica famosa potrebbe essere quella di trecento per esempio.

I tempi erano diversi e molto più “fisici”. Poteva accadere che qualche gigante perdesse la pazienza e si lasciasse andare all’ira con quegli individui che lo dileggiavano. Da qui, mi viene da pensare che sia nato il mito che i bulli sono quelli grossi che senza motivo prendono a pugni la gente. Guardate voi che coincidenza. Coloro i quali trasmettevano le storie alle generazioni successive erano gli anziani.

In tempi attuali, un po meno fisici, il BODY SHAMING è diventato sempre più diffuso a causa del fatto che nessuno difende le vittime che non potranno mai provare di essere stati oggetto di insulti per strada ed a causa del fatto che i moderni strumenti hanno dato adito ai più vigliacchi di sentirti più al sicuro dietro una tastiera.

La verità è che i bambini non sono cattivi, non hanno alcuna colpa perchè seguono ed emulano le brutte abitudini dei grandi. Il BODY SHAMING è una parola inglese recente ma il concetto è sempre stato parte delle oscure abitudini dell’umanità purtroppo. Ed a quanto sembra, se non ci evolviamo veramente, ne farà parte ancora per molto a lungo.

Una piccola riflessione

Sono stato caldamente spinto a pubblicare questo articolo perché mi è stato detto che forse, a qualcuno potrà servire se lo legge attentamente. La speranza di chi mi ha chiesto di scrivere è quella che questo articolo sia condiviso da chi vuole dire qualcosa a qualcuno e che favorisca un momento di riflessione per chi, consapevolmente o inconsapevolmente, ha contribuito a rovinare la giornata di un essere umano come lui. Ma io non ci credo tanto se devo essere sincero, non c’è niente da fare purtroppo.

Sentitevi liberi di scrivere il vostro punto di vista sicuri che sarà censurato se non in linea con le più semplici regole basilari di educazione e rispetto. Vi saluto amici miei.


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi