Termini moderni per le vecchie abitudini

Da qualche tempo in rete sono stati coniati dei termini per descrivere determinati atteggiamenti che sembra prendano sempre più piede. Tali atteggiamenti su alcuni siti vengono definiti come di tendenza ma si tratta di comportamenti tutt’altro che nuovi.

La tecnologia ci permette di comunicare a grande distanza ma inevitabilmente a volte capita che ci allontani dalla consapevolezza che dall’altra parte c’è un essere umano. Per tale motivo, cose che non ci sogneremmo mai di fare e dire, prendono sempre più piede diventando ormai parte del modo di fare di un numero sempre crescente di persone.

Il GHOSTING

E’ un termine che indica quando una persona sparisce completamente. Non ti risponde al cellulare, non risponde ai tuoi messaggi, non esce più con te, ti blocca sui social network o sui vari servizi di messaggistica. Questo modo di fare merita il primo posto nella nostra classifica perché è quello considerato peggiore. Chi viene abbandonato in questo modo, tende a soffrire più di una persona che viene abbandonata nel modo sano e tradizionale perchè la mente si affolla di domande che non avranno mai una risposta. Si presume che il GHOSTING venga fatto per vigliaccheria, mancanza di considerazione e mancanza di rispetto. Qualche volta a questo atteggiamento ne seguono altri.

Il SUBMARINING

Dopo essere stati abbandonati e dopo essere caduti in depressione per un certo periodo di tempo, può accadere che la persona che vi ha distrutto riappaia come un sottomarino che riemerge dalle acque. Si presentano normalmente con scuse banali, inconsistenti o semplicemente senza dare alcuna spiegazione. E’ un atteggiamento considerato particolarmente negativo ma che comunque non è una novità nelle relazioni interpersonali.


Lo ZOMBIEING

Similmente al SUBMARINING, si verifica quando una persona che era sparita riappare dopo molto tempo. La differenza sta nel fatto che, essendo passato molto tempo, la psiche potrebbe indurvi a credere che era destino e quindi potrebbe avere un impatto molto potente sui sentimenti. Nelle credenze folcloristiche infatti gli zombie ritornano dall’oltretomba e si nutrono di cervello.

L’HOUNTING

E’ una pratica che viene generalmente applicata dagli ex per fare in modo che non li si dimentichi completamente. Un esempio potrebbe essere un mi piace o un commento amichevole su un social network. Anche in questo caso, il cacciatore può inseguire la sua preda anche senza ausilio di social network. Un chiaro esempio potrebbe essere un ex che continua a chiamare o comunicare utilizzando delle scuse. La vittima quindi potrebbe non riuscire a staccarsi più da quella relazione e di fatto questi atteggiamenti, potrebbero creare problemi all’interno di una nuova relazione. La differenza fra l’HOUNTING e lo STALKING sta nel fatto che nel primo caso, il cacciatore ha la tendenza a stare molto attento affinché i propri atteggiamenti sembrino innocenti e senza secondi fini, nel secondo caso, lo stalker invece non se ne preoccupa.

Il BREADCRUMBING

E’ la pratica di gettare metaforicamente delle esche in terra allo scopo di essere seguiti da un animale. Questo comportamento viene esercitato da persone desiderose di attenzioni. Si fa credere ad una determinata persona, o molto spesso ad un gruppo di persone (quasi sempre dell’altro sesso) di essere interessati a loro (senza esserlo) spargendo in giro dei piccoli indizi. Può essere fatto sia sulla rete via social e messaggistica istantanea che di persona. Esistono anche molti altri nomi ben più antichi per definire persone di questo tipo ma ci asterremo in questo articolo per senso di decenza.

Il BENCHING

E’ simile al BREADCRUMBING ma con la differenza sostanziale che appare subito lampante. Si tratta di una vera e propria speranza di tipo romantico. Ci sono tanti modi per mettere una persona in panchina e cambiano in base alla personalità del soggetto. C’è chi mette in panchina le persone quali riserve per avere una relazione futura se dovesse servire, chi mette in panchina un amante e lo usa quando serve o addirittura c’è chi mette in panchina più persone perché non si sa mai, fa sempre piacere un pò di varietà. Di solito si tratta di persone che hanno paura di rimanere da sole o semplicemente non ci sanno stare.

Lo STASHING

Anche questa pratica è piuttosto antica. Si tratta di persone che dividono a compartimenti stagni la loro vita. Quando hanno una relazione con qualcuno, tendono a non presentarlo agli amici o ai propri cari, non pubblicano mai fotografie insieme sui social e di fatto nascondono la vostra esistenza per qualche motivo. Una delle ragioni potrebbe essere che vogliono essere liberi di uscire con qualcun altro oppure hanno un’altra relazione ufficiale o si vergognano di voi. In pratica vi tengono separati dal resto della loro vita e siete dei satelliti di minore importanza.

Il PHUBBING

A volte capita che in una relazione, ci sia uno dei due che lamenti di essere particolarmente trascurato a causa degli impegni e degli interessi dell’altra persona. Si tratta di quel genere di individui che hanno sempre qualcosa da fare di più importante che trascorrere del tempo a chiacchierare con la persona che dicono di amare. Questa parola nello specifico però definisce questo schema di comportamento riferendolo solo ed esclusivamente al telefono cellulare.

Il KITTENFISHING

Quando qualcuno crea dei falsi profili per attrarre qualcuno online si chiama CATFISHING, se invece il soggetto esagera sulle proprie qualità con l’intenzione di apparire migliore di quello che è per attrarre qualcuno si chiama KITTENFISHING. Potrebbe essere un esempio un appassionato di modellini di aerei che dice di essere un ingegnere aereonautico, una persona che si fa fotografare mentre fa un giro su un aeroplano turistico affittato con gli amici e dice di essere un pilota. Millantatori  della rete insomma, vi stupirebbe però sapere quanta gente ci casca.

In breve

Ci sono tanti altri termini ed altri sicuramente nasceranno ma questi sono i più comuni. Ed a voi, è mai capitato? Personalmente ho conosciuto una persona che ha applicato praticamente tutti questi in un modo o nell’altro. Lasciate pure nei commenti le vostre esperienze, purché non abbiano riferimenti e ci si attenga comunque alla buona educazione. Un abbraccio amici!


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi