Vulnerabilità: CVE-2004-0220

isakmpd in OpenBSD 3.4 e precedenti consente agli aggressori remoti di provocare una negazione di servizio tramite un pacchetto ISAKMP con un valido CERT Richiesta payload, che causa un numero intero underflow che viene utilizzato in un’operazione di malloc non correttamente trattata, come dimostrato dal Striker ISAKMP protocollo test Suite.


http://www.securityfocus.com/bid/9907
http://marc.info/?l=bugtraq&m=108008530028019&w=2
http://www.kb.cert.org/vuls/id/223273
http://www.rapid7.com/advisories/R7-0018.html
http://www.openbsd.org/errata.html
http://www.securitytracker.com/alerts/2004/Mar/1009468.html
https://exchange.xforce.ibmcloud.com/vulnerabilities/15629
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2004-0220


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi