Vulnerabilità: CVE-2004-0385

heap overflow sede a Oracle 9i Application Server Web Cache 9.0.4.0.0, 9.0.3.1.0, 9.0.2.3.0 e 9.0.0.4.0 permette attaccanti remoti di eseguire codice arbitrario tramite un metodo di intestazione della richiesta HTTP lungo al listener Web cache. NOTA: a causa della vaghezza del advisory Oracle, non è chiaro se ci sono altri problemi oltre a questo trabocco, anche se allude consulenza a più ""vulnerabilità"".


http://www.securityfocus.com/bid/9868
http://marc.info/?l=bugtraq&m=107945649127635&w=2
http://marc.info/?l=bugtraq&m=108144419001770&w=2
http://www.kb.cert.org/vuls/id/413006
http://otn.oracle.com/deploy/security/pdf/2004alert66.pdf
http://www.inaccessnetworks.com/ian/services/secadv01.txt
http://www.osvdb.org/4249
http://secunia.com/advisories/11118
http://archives.neohapsis.com/archives/vulnwatch/2004-q1/0078.html
https://exchange.xforce.ibmcloud.com/vulnerabilities/15463
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2004-0385


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi