Vulnerabilità: CVE-2006-2656

buffer overflow stack-based nel comando tiffsplit in libtiff 3.8.2 e precedenti potenza permettono ad un attaccante di eseguire codice arbitrario tramite un nome lungo. NOTA: tiffsplit non è setuid. Se non c’è uno scenario comune in base al quale tiffsplit si chiama con gli argomenti della riga di comando attaccante controllato, allora forse questo problema non dovrebbe essere incluso in CVE.


http://www.debian.org/security/2006/dsa-1091
https://www.redhat.com/archives/fedora-package-announce/2006-May/msg00127.html
http://security.gentoo.org/glsa/glsa-200607-03.xml
http://www.mandriva.com/security/advisories?name=MDKSA-2006:095
http://secunia.com/advisories/20501
http://secunia.com/advisories/20520
http://secunia.com/advisories/20766
http://secunia.com/advisories/21002
http://lists.suse.com/archive/suse-security-announce/2006-Jun/0008.html
https://usn.ubuntu.com/289-1/
http://marc.info/?l=vuln-dev&m=114857412916909&w=2
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2006-2656


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi