Vulnerabilità: CVE-2006-4832


buffer overflow nel servizio telnet Verso NetPerformer FRAD ACT SDM-95xx 7.xx (R1) e precedenti, SDM-93xx 10.xx (R2) e precedenti, e SDM-92xx 9.xx (R1) e precedenti permettono aggressori remoti per provocare una negazione del servizio (riavvio) ed eventualmente eseguire codice arbitrario attraverso un lungo nome utente.


http://www.securityfocus.com/bid/19989
http://www.securityfocus.com/archive/1/445883/100/0/threaded
http://lists.grok.org.uk/pipermail/full-disclosure/2006-September/049434.html
http://secunia.com/advisories/21876
http://securityreason.com/securityalert/1583
http://www.vupen.com/english/advisories/2006/3605
https://exchange.xforce.ibmcloud.com/vulnerabilities/28908
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2006-4832


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi