Vulnerabilità: CVE-2007-3950


lighttpd 1.4.15, quando eseguito su piattaforme 32 bit, permette attaccanti remoti di provocare una negazione del servizio (crash daemon) mediante vettori non specificato comportano l’uso di identificatori di formato incompatibili in alcuni messaggi di debug in (1) mod_scgi, (2) mod_fastcgi , moduli mod_webdav e (3).


http://www.securityfocus.com/bid/24967
http://www.securityfocus.com/archive/1/474131/100/0/threaded
http://trac.lighttpd.net/trac/ticket/1263
http://www.debian.org/security/2007/dsa-1362
http://security.gentoo.org/glsa/glsa-200708-11.xml
http://trac.lighttpd.net/trac/changeset/1882
http://secunia.com/advisories/26130
http://secunia.com/advisories/26158
http://secunia.com/advisories/26505
http://secunia.com/advisories/26593
http://securityreason.com/securityalert/2909
http://www.novell.com/linux/security/advisories/2007_15_sr.html
http://www.vupen.com/english/advisories/2007/2585
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2007-3950


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi