Vulnerabilità: CVE-2018-1059


L’interfaccia utente vhost-DPDK non controlla per verificare che tutta la gamma fisica l’ospite richiesto è mappato e contigua durante l’esecuzione di indirizzi Giudizi fisica host virtuali Indirizzi traduzioni. Questo può portare a un ospite dannoso esponendo memoria processo di backend vhost-utente. Tutte le versioni precedenti 18.02.1 sono vulnerabili.
https://bugzilla.redhat.com/show_bug.cgi?id=1544298
https://access.redhat.com/security/cve/cve-2018-1059
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2018:1267
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2018:2038
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2018:2102
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2018:2524
https://usn.ubuntu.com/3642-1/
https://usn.ubuntu.com/3642-2/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2018-1059

E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi