Vulnerabilità: CVE-2018-12327


Stack-based buffer overflow in ntpq e ntpdc di NTP versione 4.2.8p11 permette ad un aggressore di ottenere l’esecuzione di codice o di escalation di privilegi più elevati mediante una lunga serie come argomento per un parametro di riga di comando IPv4 o IPv6. NOTA: Non è chiaro se vi siano situazioni comuni in cui ntpq o ntpdc viene utilizzato con una riga di comando da una fonte non attendibile.
http://www.securityfocus.com/bid/104517
https://support.hpe.com/hpsc/doc/public/display?docLocale=en_US&docId=emr_na-hpesbux03962en_us
https://www.exploit-db.com/exploits/44909/
https://security.gentoo.org/glsa/201903-15
https://gist.github.com/fakhrizulkifli/9b58ed8e0354e8deee50b0eebd1c011f
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2018:3853
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2018:3854
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2019:2077
https://usn.ubuntu.com/4229-1/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2018-12327

E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi