Vulnerabilità: CVE-2018-12907


In Rclone 1.42, l’uso di ""rclone sync"" per migrare i dati tra due secchi di Google Cloud Storage potrebbe consentire agli aggressori di innescare la trasmissione di contenuti di ogni URL a Google, perché non v’è alcuna convalida di un campo URL ricevuto dal server API di Google Cloud Storage , aka un problema di ""Amarsi"".
http://openwall.com/lists/oss-security/2018/06/27/3
https://www.danieldent.com/blog/restless-vulnerability-non-browser-cross-domain-http-request-attacks/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2018-12907

E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi