Vulnerabilità: CVE-2018-15471


Un problema è stato scoperto nel xenvif_set_hash_mapping in drivers / net / xen-netback / hash.c nel kernel di Linux attraverso 4.18.1, come usato in Xen attraverso 4.11.x e altri prodotti. Il driver netback Linux consente frontend per la mappatura di controllo delle richieste per richiedere le code. Quando l’elaborazione di una richiesta per impostare o modificare la mappatura, alcuni validazione ingresso (ad esempio per un integer overflow) mancava o imperfetto, portando ad accesso OOB nella gestione hash. Un frontend dannoso o buggy può causare il (solito privilegiato) di back-end per fare di accessi alla memoria limiti, potenzialmente con conseguente perdite di una o più delle escalation dei privilegi, Denial of Service (DoS), o di informazione.
https://www.debian.org/security/2018/dsa-4313
http://xenbits.xen.org/xsa/advisory-270.html
https://bugs.chromium.org/p/project-zero/issues/detail?id=1607
https://lists.debian.org/debian-lts-announce/2019/03/msg00017.html
https://usn.ubuntu.com/3819-1/
https://usn.ubuntu.com/3820-1/
https://usn.ubuntu.com/3820-2/
https://usn.ubuntu.com/3820-3/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2018-15471

E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi