Vulnerabilità: CVE-2018-16152


In verify_emsa_pkcs1_signature () in gmp_rsa_public_key.c nel gmp plugin strongSwan 4.xe 5.x prima 5.7.0, l’implementazione RSA sulla base di GMP non rifiuta dati in eccesso nel campo digestAlgorithm.parameters durante PKCS # 1 v1.5 Verifica della firma. Di conseguenza, un utente remoto può forgiare firme quando si utilizzano piccoli esponenti pubblici, che potrebbe portare alla rappresentazione quando soltanto una firma RSA per l’autenticazione IKEv2. Questa è una variante di CVE-2006-4790 e CVE-2014-1568.
https://www.strongswan.org/blog/2018/09/24/strongswan-vulnerability
https://www.debian.org/security/2018/dsa-4305
https://security.gentoo.org/glsa/201811-16
https://lists.debian.org/debian-lts-announce/2018/09/msg00032.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2019-11/msg00077.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2019-12/msg00001.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2020-03/msg00047.html
https://usn.ubuntu.com/3771-1/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2018-16152

E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi