Vulnerabilità: CVE-2019-11253

convalida dell’input improprio nel server API kubernetes nelle versioni v1.0-1.12 e versioni precedenti alla v1.13.12, v1.14.8, v1.15.5 e v1.16.2 consente agli utenti autorizzati di inviare dannosi carichi YAML o JSON, causando il server API di consumare eccessive CPU o memoria, potenzialmente crash e diventando disponibili. Prima di v1.14.0, la politica di RBAC impostazione predefinita gli utenti anonimi autorizzato a presentare le richieste che potrebbero innescare questa vulnerabilità. I cluster aggiornati da una versione precedente alla v1.14.0 mantenere la politica più permissiva di default per la compatibilità all’indietro.


https://github.com/kubernetes/kubernetes/issues/83253
https://security.netapp.com/advisory/ntap-20191031-0006/
https://groups.google.com/forum/#!topic/kubernetes-security-announce/jk8polzSUxs
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2019:3239
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2019:3811
https://access.redhat.com/errata/RHSA-2019:3905
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2019-11253


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi