Vulnerabilità: CVE-2019-11694

Esiste una vulnerabilità nella sandbox di Windows dove un valore non inizializzato in memoria può essere trapelato a un renderer da un broker quando si effettua una chiamata ad accedere a un file altrimenti non disponibili. Il risultato è la potenziale fuga di informazioni memorizzate in quella posizione di memoria. * Nota: questo problema si verifica solo su Windows. Altri sistemi operativi sono influenzati. *. Questa vulnerabilità interessa Thunderbird <60.7, Firefox <67, e Firefox ESR <60,7.


https://bugzilla.mozilla.org/show_bug.cgi?id=1534196
https://www.mozilla.org/security/advisories/mfsa2019-13/
https://www.mozilla.org/security/advisories/mfsa2019-14/
https://www.mozilla.org/security/advisories/mfsa2019-15/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2019-11694


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi