Vulnerabilità: CVE-2019-13057

Un problema è stato scoperto nel server OpenLDAP prima 2.4.48. Quando la delega di amministratore del server rootdn (database admin) privilegi per alcuni database, ma vuole mantenere l’isolamento (ad esempio, per le distribuzioni multi-tenant), slapd non correttamente fermare un rootdn di richiedere l’autorizzazione come identità da un altro database durante una SASL bind o con un proxyAuthz (RFC 4370) di controllo. (Non è una configurazione comune per implementare un sistema in cui l’amministratore del server e un amministratore DB godere di diversi livelli di fiducia.)


https://seclists.org/bugtraq/2019/Dec/23
https://security.netapp.com/advisory/ntap-20190822-0004/
https://support.apple.com/kb/HT210788
https://www.openldap.org/lists/openldap-announce/201907/msg00001.html
http://seclists.org/fulldisclosure/2019/Dec/26
https://www.openldap.org/its/?findid=9038
https://www.oracle.com/security-alerts/cpuapr2020.html
https://lists.debian.org/debian-lts-announce/2019/08/msg00024.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2019-09/msg00053.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2019-09/msg00058.html
https://usn.ubuntu.com/4078-1/
https://usn.ubuntu.com/4078-2/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2019-13057


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi