Vulnerabilità: CVE-2020-15635

Questa vulnerabilità consente agli aggressori di rete adiacente di eseguire codice arbitrario su impianti interessati di router NETGEAR R6700 V1.0.4.84_10.0.58 con firmware 1.0.4.84_10.0.58. Autenticazione non è necessaria per sfruttare la vulnerabilità. Il difetto specifico esiste all’interno del servizio ACSD, che rimane su porta TCP 5916 di default. I problema deriva dalla mancanza di una corretta validazione della lunghezza dei dati forniti dall’utente prima copiandolo su uno stack-based buffer a lunghezza fissa. Un utente malintenzionato può sfruttare questa vulnerabilità per eseguire codice nel contesto dell’utente amministratore. Era ZDI-CAN-9853.


https://kb.netgear.com/000062127/Security-Advisory-for-Pre-Authentication-Buffer-Overflow-on-R6700v3-PSV-2020-0202
https://kb.netgear.com/000062127/Security-Advisory-for-Pre-Authentication-Buffer-Overflow-on-R6700v3-PSV-2020-0202
https://www.zerodayinitiative.com/advisories/ZDI-20-936/
https://www.zerodayinitiative.com/advisories/ZDI-20-936/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-15635


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi