Vulnerabilità: CVE-2020-26913

Alcuni dispositivi NETGEAR sono interessati da uno stack-based buffer overflow da un utente autenticato. Questo influisce D6100 prima 1.0.0.63, R7800 prima 1.0.2.60, R8900 prima 1.0.4.26, R9000 prima 1.0.4.26, RBK20 prima 2.3.0.28, RBR20 prima 2.3.0.28, RBS20 prima 2.3.0.28, RBK50 prima 2.3.0.32, RBR50 prima 2.3.0.32, RBS50 prima 2.3.0.32, RBK40 prima 2.3.0.28, RBR40 prima 2.3.0.28, RBS40 prima 2.3.0.28, SRK60 prima 2.2.2.20, SRR60 prima 2.2.2.20, SRS60 prima 2.2.2.20, prima di WN3000RPv2 1.0.0.78, WNDR4300v2 prima 1.0.0.58, WNDR4500v3 prima 1.0.0.58, WNR2000v5 prima 1.0.0.70, XR450 prima 2.3.2.40, e XR500 prima 2.3.2.40.


https://kb.netgear.com/000062340/Security-Advisory-for-Post-Authentication-Stack-Overflow-on-Some-Routers-and-WiFi-Systems-PSV-2018-0140
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-26913


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi