Vulnerabilità: CVE-2020-3393

Una vulnerabilità nel sottosistema di applicazione-hosting di Cisco IOS XE Software potrebbe consentire a un autenticato, attaccante locale di elevare i privilegi di root su un dispositivo interessato. L’utente malintenzionato di eseguire comandi IOS XE al di fuori del sottosistema contenitore di finestra mobile application-hosting e sul sistema operativo Linux sottostante. Questi comandi possono essere eseguiti come utente root. La vulnerabilità è dovuta ad una combinazione di due fattori: (a) incompleto validazione dell’input del payload utente di comandi CLI, e (b) controllo improprio ruolo basato accesso (RBAC) quando i comandi sono rilasciati nella riga di comando all’interno della applicazione- che ospita sottosistema. Un utente malintenzionato può sfruttare questa vulnerabilità utilizzando un comando CLI con input dell’utente predisposto. Un successo exploit potrebbe consentire l’attaccante inferiore privilegiata di eseguire comandi CLI arbitrari con privilegi di root. L’aggressore avrebbe bisogno di credenziali utente valide per sfruttare questa vulnerabilità.


https://tools.cisco.com/security/center/content/CiscoSecurityAdvisory/cisco-sa-iosxe-iox-app-host-mcZcnsBt
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-3393


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi