Vulnerabilità: CVE-2020-36167

Un problema è stato scoperto nel server di Veritas Backup Exec attraverso 16.2, 20.6, prima hotfix 298543, e 21.1 prima di hotfix 657517. Su di start-up, si carica la libreria OpenSSL dalla cartella di installazione. Questa libreria nel tentativo sua volta per caricare il file di configurazione /usr/local/ssl/openssl.cnf, che non può esistere. Sui sistemi Windows, questo percorso potrebbe tradurre in <unità>: \ usr \ locale \ ssl \ openssl.cnf. Un utente con privilegi può creare una: ssl \ file \ usr \ locale \ openssl.cnf di configurazione per caricare un motore OpenSSL dannoso, con conseguente esecuzione di codice arbitrario come SYSTEM all’avvio del servizio. Questo dà l’accesso di amministratore attaccante sul sistema, permettendo l’attaccante (per impostazione predefinita) per accedere a tutti i dati, di accesso tutte le applicazioni installate, ecc Se il sistema è anche un controller di dominio Active Directory, allora questo può influenzare l’intero dominio.


https://www.kb.cert.org/vuls/id/429301
https://www.veritas.com/content/support/en_US/security/VTS20-010
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-36167


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi