Vulnerabilità: CVE-2020-6879

Alcuni dispositivi ZTE hanno vulnerabilità verifica ingresso. I dispositivi supportano la configurazione di un prefisso statica attraverso la pagina web di gestione. La limitazione del codice di front-end può essere aggirato con la costruzione di un messaggio di richiesta POST e inviando la richiesta alla creazione di un’interfaccia di configurazione regola di routing statico. Il backend servizio WEB riesce a verificare efficacemente l’ingresso anormale. Di conseguenza, l’utente malintenzionato può utilizzare con successo la vulnerabilità di manomettere i valori dei parametri. Questo influenza: ZXHN Z500 V1.0.0.2B1.1000 e ZXHN F670L V1.1.10P1N2E. Questo è stato risolto in ZXHN Z500 V1.0.1.1B1.1000 e ZXHN F670L V1.1.10P2N2.


http://support.zte.com.cn/support/news/LoopholeInfoDetail.aspx?newsId=1013922
http://support.zte.com.cn/support/news/LoopholeInfoDetail.aspx?newsId=1013922
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-6879


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi