Vulnerabilità: CVE-2020-7354

Cross-Site Scripting (XSS) nel campo ‘ospite’ di un’attività di scansione scoperto nel Rapid7 Metasploit Pro permette ad un aggressore con un servizio di rete appositamente predisposto di una destinazione di scansione per memorizzare una sequenza di XSS nella console Metasploit Pro, che sarà grilletto quando l’operatore visualizza il record di che ospitano acquisita nel Metasploit Pro interfaccia. Questo problema riguarda Rapid7 Metasploit Pro versione 4.17.1-20200427 e le versioni precedenti, ed è fissata in Metasploit Pro versione 4.17.1-20200514. Vedi anche CVE-2020-7355, che descrive un problema simile, ma che coinvolge il campo generato ‘note’ di un’attività di scansione scoperto.


https://help.rapid7.com/metasploit/release-notes/archive/2020/05/#20200514
https://help.rapid7.com/metasploit/release-notes/archive/2020/05/#20200514
https://avalz.it/research/metasploit-pro-xss-to-rce/
https://avalz.it/research/metasploit-pro-xss-to-rce/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-7354


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi