Vulnerabilità: CVE-2020-7381

Nelle versioni di installazione Rapid7 NeXpose prima 6.6.40, l’installatore NeXpose chiama un eseguibile che può essere posizionato nella directory appropriata da un attaccante con accesso alla macchina locale. Ciò eviterebbe il programma di installazione di distinguere tra un eseguibile valido chiamato durante un’installazione Security Console e qualsiasi file eseguibile di codice arbitrario usando lo stesso nome del file.


https://help.rapid7.com/insightvm/en-us/release-notes/index.html?pid=6.6.40
https://help.rapid7.com/insightvm/en-us/release-notes/index.html?pid=6.6.40
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-7381


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi