Vulnerabilità: CVE-2020-8517

Un problema è stato scoperto nel Squid prima di 4.10. Dovuta alla convalida ingresso corretto, il parser credenziali di autenticazione NTLM in ext_lm_group_acl può scrivere nella memoria di fuori delle credenziali buffer. Nei sistemi con protezioni di accesso alla memoria, ciò può comportare nell’essere processo helper terminato inaspettatamente. Questo porta al processo di Squid anche di terminazione e una negazione del servizio per tutti i clienti che utilizzano il proxy.


https://security.gentoo.org/glsa/202003-34
http://www.squid-cache.org/Advisories/SQUID-2020_3.txt
http://www.squid-cache.org/Versions/v4/changesets/squid-4-6982f1187a26557e582172965e266f544ea562a5.patch
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2020-03/msg00012.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2020-05/msg00010.html
http://lists.opensuse.org/opensuse-security-announce/2020-05/msg00018.html
https://usn.ubuntu.com/4289-1/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-8517


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi