Vulnerabilità: CVE-2020-8983

Un problema di scrittura di file arbitrario esiste in tutte le versioni di Citrix ShareFile StorageZones (aka zone di stoccaggio) controller, tra cui la maggior parte dei rilasci 5.10.x recenti a partire da maggio 2020, che consente l’esecuzione di codice da remoto. RCE e l’accesso ai file è concesso a tutto ospitato da ShareFile, sia on-premise o all’interno di Citrix Nuvola stessa (entrambi sono internet fronte). NOTA: a differenza di molti CVE, sfruttabilità dipende dalla versione del prodotto che era in uso quando una particolare fase di messa a punto è stata eseguita, non la versione del prodotto che è in uso nel corso di una valutazione corrente di inventario dei prodotti del consumatore CVE. In particolare, la vulnerabilità può essere sfruttata se una zona di stoccaggio è stato creato da una di queste versioni del prodotto: 5.9.0, 5.8.0, 5.7.0, 5.6.0, 5.5.0, o versioni precedenti. Questo CVE differisce dal CVE-2020-7473 e CVE-2020-8982.


https://support.citrix.com/article/CTX269106
https://drive.google.com/file/d/15iy6S8CN9Hku0a2zrcrXK9FAocmQvMwT/view?usp=sharing
https://www.linkedin.com/posts/jonas-hansen-2a2606b_citrix-sharefile-storage-zones-controller-activity-6663432907455025152-8_w6/
https://cve.mitre.org/cgi-bin/cvename.cgi?name=CVE-2020-8983


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi