Gatto Selkirk Rex

La razza del Gatto Selkirk Rex è rara e piuttosto recente. E’ nato negli Stati Uniti nel 1987, nello Wyoming, in un rifugio per animali, dove una gattina  nella sua cucciolata  partorisce  un gattino dal pelo naturalmente riccioluto.  Questo fù incrociato con un persiano e metà della cucciolata nacque col pelo ricciuto. Jeri Newman, un’allevatrice di gatti Persiani diede inizio a un nuovo allevamento cui diede il nome di suo suocero, “Selkirk”, mentre “Rex” fu aggiunto per ricordare l’esclusivo manto riccio. Da questo primo incrocio si scoprì che i ricci derivavano da geni dominanti. Perciò basta che uno solo dei genitori lo possieda perché circa la metà dei gattini presenti questa caratteristica (quello di tutti gli altri gatti Rex è, invece, di tipo recessivo, per cui entrambi i genitori devono averlo per poterlo trasmettere al figli).

La razza è stata sviluppata in due lunghezze di pelo, lungo e corto. Il Silkirk, come abbiamo detto, ha in comune il pelo riccio con il devon Rex e il Cornish rex, ma rispetto a questi possiede una corporatura più robusta e un carattere molto diverso.

Carattere del Gatto Selkirk Rex

Il Gatto Selkirk Rex ha un carattere tranquillo, coccolone e molto giocoso frutto delle caratteristiche dei diversi incroci che sono stati fatti per la selezione della razza. Adora un ambiente attivo, stare con bambini e altri animali domestici e giocare a qualsiasi gioco il suo umano voglia.

Questa razza non richiede eccessiva attenzione ma ama le interazioni con le persone e non è felice quando viene lasciata spesso da sola. E’ una razza quindi che và bene per tutti, sia anziani, che famiglie con bambini e anche con altri animali.  Può vivere tranquillamente in appartamento, ma apprezza molto anche poter stare all’aria aperta, quindi un giardino o una terrazza in sicurezza sono indicati per sfogare la sua voglia di movimento.


Oltre che per il mantello molto particolare questo gatto è noto anche per la sua espressione molto buffa che sembra sempre imbronciata e per la sua propensione a seguire il suo umano da per tutto,  tanto che viene chiamato gatto-cane.

Questo gatto capisce rapidamente la routine della propria famiglia e si adatta di conseguenza. Se vuole ottenere qualcosa, saprà esattamente quando chiedervela. E’ anche molto intelligente, infatti è facile che impari ad aprire porte e cassetti alla ricerca di qualcosa con cui giocare, in quanto non ama, come altre razze di gatti, dormire moltissimo, ma ha bisogno di stimoli per non annoiarsi.

Aspetto del Gatto Selkirk Rex

Il Gatto Selkirk Rex è un gatto di taglia media, il maschio arriva intorno ai 7 chilogrammi la femmina un pò meno. Ha una muscolatura ben sviluppata, zampe di media lunghezza con ossatura robusta, collo corto, largo e muscoloso, coda piuttosto corta e poco affusolata.

La testa è rotonda e ampia e possiede guance piene sia negli esemplari maschi che nelle femmine.  Grandi occhi rotondi molto distanti fra loro, di tonalità intensa e brillante, il colore degli occhi può avere tutte le sfumature possibili del blu, del verde e del giallo. Le orecchie non molto grandi, ben distanziate fra loro, con punta arrotondata e ciuffi di pelo arricciati sulle punte.


Ma la caratteristica distintiva di questo gratto è il mantello. Si può trovare sia corto che lungo, ma sempre molto arricciato, simile alla lana della pecora. Sono arricciati anche i baffi, le sopracciglia e i pelo interni delle orecchie. A differenza degli altri gatti a pelo riccio, ha tre strati di pelo. L’esemplare a  pelo lungo sembra sempre arruffato, quello a pelo corto somiglia ad un piccolo orsetto. Sono accettati tutti i colori e schemi geneticamente possibili.

Il Selkirk Rex può essere adatto anche a chi soffre di allergie.  È tra le razze feline classificate come ‘ipoallergeniche‘, perché la sua saliva produce poca glicoproteina Fel-d1, responsabile di molte reazioni allergiche.

Salute e cura del Gatto Selkirk Rex

È un gatto sano e robusto, che non ha problemi di salute legati alla razza. Ha un’aspettativa di vita abbastanza lunga, può arrivare anche a 20 anni. Il rischio di malattie ereditarie è comunque sempre presente, in correlazione con le razze da cui si sono originati.Deve essere protetto dagli sbalzi di temperature o da temperature estreme (o troppo caldo o troppo freddo), anche se tende a soffrire molto più il caldo che il freddo.

Per quanto riguarda l’alimentazione è necessario essere vigili sulla qualità nutrizionale del cibo e soprattutto sulle dosi da somministrare per evitare che ingrassi.

Il mantello particolare ha bisogno di molte cure, di solito si spazzola il pelo tre o quattro  volte la settimana, nel periodo di muta anche tutti i giorni, per evitare fastidiosi nodi difficili poi da togliere.  Si sporca anche abbastanza facilmente quindi è opportuno ogni tanto fargli un bagno.

Avendo un mantello molto folto tende a perdere molto pelo specialmente durante la muta.



E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi