La mia gattina Cettina

Oggi c’è una ricorrenza che mi ha portato a ripensare a un evento accaduto molto tempo fa in una strada nel mezzo del nulla. Tuttavia, affinché tu possa capire, ritengo necessario fare una piccola introduzione. Poiché io sono un amante dei gatti, l’ho sempre avuti in casa. Principalmente preferisco i gatti neri, più o meno certosini. In effetti, penso che il gatto nero sia uno dei felini più eleganti, come una pantera in miniatura. E non credo a nessuna delle superstizioni legate al gatto nero. Pensalo come il giapponese per il quale il gatto nero è un simbolo di buona fortuna e dicono che averne uno in casa porterà molta prosperità. I miei amici e conoscenti sono consapevoli delle mie preferenze e quando un gattino nero di un mio amico ebbe  dei cuccioli, mi hanno regalato un bellissimo gattino nero che ho chiamato Romeo.

La triste fine del mio gatto Romeo

In quel periodo, ho avuto anche una femmina di pastore tedesco di nome Cindy. I due hanno stretto amicizia. Il mio cane, a causa del suo istinto materno, portava in giro il gattino come se fosse un cucciolo, e al gattino piaceva essere portato via in quel modo. Erano molto amici i due, Romeo era un gatto, molto vivace, amichevole e non aveva paura di niente. Trascorsero circa due mesi quando una mattina sentimmo un pianto assordante e il nostro cane che abbaiava e piangeva.

Romeo non era abituato a uscire da solo nel giardino. Avevamo già pensato a come mettere il giardino in sicurezza per consentirgli di uscire quando voleva, e per il momento lo tenevo in  casa e lo portavo fuori  con un’imbracatura e un guinzaglio, per non correre rischi.

Quella mattina, tuttavia, ha rotto la zanzariera di una finestra, era uscito nel giardino e si era arrampicato sul muro di cinta e poi  saltato nel giardino della casa accanto. Era un gattino, molto curioso ed era molto felice quando gli mettevo la pettorina per fare una passeggiata.

Sfortunatamente, tuttavia, qui incontrò un cane  e forse pensando di giocare  come giocava  con la sua amica, si lasciò prendere. Abbiamo scavalcato il muro e quando l’abbiamo rimosso dalla  bocca del cane  era ancora vivo. Siamo partiti subito   in macchina e dopo una disperata corsa dal veterinario abbiamo potuto solo guardarlo morire. Da quel giorno, il nostro cane ha sempre odiato il cane del vicino e non ha mai permesso di avvicinarsi al muro. Abbiamo dovuto chiudere con i pannelli, la parte del giardino che confinava con il cane perché abbiamo notato che il nostro cane soffriva anche solo nel  vederlo.

Uno strano incontro in una terra desolata

All’epoca in cui lavoravo ancora come rappresentante, era un giovedì all’inizio dell’estate, erano passati solo quattro giorni dalla morte del mio gatto, Romeo, e io ero  in giro in macchina pensando a cosa era successo meno di una settimana prima. Improvvisamente,  al  lato della strada circondato solo da campi di grano, ho visto una piccola cosa nera sul lato destro. Ho visto che era un gattino tutto nero, mi ha ricordato Romeo. Ho fermato la macchina e mi sono avvicinata, convinta che sarebbe immediatamente scappato, invece è rimasto lì, immobile. Mi ha guardato ed è stato come se  chiedesse aiuto attraverso i suoi occhi.

L’ho preso e l’ho messo in macchina. Era sfinito. Sono andata dal veterinario, che mi ha detto che era  una gattina, forse  di un anno, perché aveva già cambiato i denti. Era denutrita da far  paura, pesava solo 900 grammi, aveva congiuntivite, tigna, vermi e aveva perso un dente. Secondo il veterinario, aveva poche possibilità di sopravvivere, ma non mi arrendo e ho deciso di portarla con me. Non appena arriviamo a casa, si  è nascosta sotto un mobile e non c’è stato  modo di farla uscire. Ci ho messo cibo e acqua vicino, ma la mattina dopo non aveva ancora toccato nulla. Al mattino, tuttavia, finalmente  sono stata in grado di prenderla  in  braccio. Abbiamo iniziato a somministrarle il trattamento che ha suggerito al veterinario per un po ‘di tempo perché non poteva deglutire. L’abbiamo alimentata con una siringa per 3 giorni con latte per i gattini, poi finalmente ha  iniziato a mangiare da sola.

La vita con un gatto traumatizzato

Abbiamo formulato diverse ipotesi sulle motivazioni che la portano alla sfiducia. Normalmente i gatti randagi sono notoriamente diffidenti nei confronti degli umani. Tuttavia, alcuni indizi ci hanno portato a pensare che non è nata come un gatto randagio, ma che era stata abbandonato da un lato della strada chissà perchè. Anche se dimostra il suo affetto con le fusa, ogni movimento o rumore che sente scappa. Abbiamo anche cercato di suggerire che avesse problemi a livello mentale, ma quando dobbiamo portare dal veterinario capisce immediatamente cosa sta succedendo. Il più delle volte scompare sotto il letto e non è facile convincerla ad uscire. Molte volte abbiamo dovuto rimandare l’appuntamento con il veterinario a causa dell’impossibilità di metterla nel trasportino. Quindi, sa abbastanza bene cosa sta succedendo in giro e ha una mente incredibile.

Ci sono momenti in cui  la chiamiamo ed è come se fosse un cane, altre volte quando fà qualcosa che non ci piace, come graffiare il divano e le poltrone, è sufficiente chiamarla perchè si fermi e usi il suo  tiragraffi personale. A volte ci

tende agguati e fà delle   buffonate. Non c’è notte in cui non dorme nel letto con noi. Sono davvero felice di averla portata con me. Chissà dove sarebbe a questo punto se non  l’avessi presa quel giornol. Non voglio nemmeno pensarci.

Ora sono 7 anni che è con noi ed è diventata una vera bellezza. Rimaneva, tuttavia, la paura e, di fatto, raramente lascia la sua casa. Anche quando esce in  giardino va lì per un breve periodo e se solo sente  un cane che abbaia in lontananza immediatamente ritorna, andando a nascondersi Quando qualcuno viene da noi  scompare dalla circolazione, e la rivediamo solo  quando gli ospiti se ne vanno. Deve vedere  una persona per molte volte, perché alla fine trovi il  coraggio di   uscire all’aperto. In questo caso, immediatamente fà ‘amicizia con la persona, e quando questo ritorna a casa nostra non scappa più per nascondersi, inizia solo a strofinare le caviglie facendo le fusa e chiedendo coccole.

Non sopporta di vedere la sua ciotola vuota, perché non appena ha finito di mangiare inizia a miagolare per assicurarsi che sarà riempita  un’altra volta. Chissà quanta fame avrà patito. E qualsiasi cosa si riferisca anche al minimo cambiamento nel suo stile di vita non lo accetta.

Infatti,  non l’abbiamo mai portata via da casa, per una gita di un giorno o una vacanza. In tutti questi anni non siamo mai stati via per diversi giorni da casa e quando è successo per non più di 3 o 4 giorni è sempre arrivato a casa qualcuno per sfamare, cambiare i rifiuti e giocare un po ‘con la Cettina. Abbiamo provato a portarla con noi, anche per una semplice passeggiata vicino a casa, dal momento che viviamo in campagna, ma appena varcato il cancello del giardino abbiamo dovuto tornare indietro perché abbiamo visto che era terrorizzata.

E presto abbiamo deciso di mettere in sicurezza il giardino in modo che il nostro gatto non  potesse finire nel giardino della casa accanto.

Le coincidenze della vita

Si chiama Trilly, che era il primo nome che mi è venuto in mente quando l’ho portato dal veterinario e ha compilato il suo opuscolo sulla salute. ma ho iniziato a chiamarla Micetta, poi Cetta e infine Cettina. Ed è questo nome che risponde ora. Viaggio spesso per lavoro e vedo i poveri gatti morti ai bordi della strada, mi è capitato raramente di vedere un gatto o un cane in alcuni punti e quando questo è successo, mi fermo sempre, ma sono immediatamente scappati. E avvertire  i vigili  è sempre stata una delle mie preoccupazioni quando ho trovato un animale che sembrava vagare, e sicuramente se  si fosse fatto prendere, lo  avrei portato con me.

Ma per Cettina era diverso, quando l’ho incontrata, ho subito pensato che ero stata mandato a riempire con il suo amore, anche se solo in parte, il vuoto che mi aveva lasciato con la morte di Romeo ucciso dal cane del vicino . Mi è sembrato immediatamente una coincidenza troppo strana. In effetti, è successo solo 4 giorni dopo che lo  avevo perso. E soprattutto, ho sempre pensato che Cettina voleva venire con me, non appena mi ha visto.

Ogni volta che mi fermo a guardare il mio gatto, ho l’impressione che voglia ringraziarmi ogni giorno che lo ho salvato. Mi piacerebbe poter salvare tutti quei poveri animali che le persone senza scrupoli e senza cuore abbandonano o maltrattano.

Col passare degli anni, le cose cambiano.

Appena arrivato a casa Cettina, le cose sono cambiate all’istante per il nostro pastore tedesco, Cindy. Abbiamo dovuto tenerla separata dal gatto  per  paura che potesse prendere qualche infezione. Quindi per circa venti giorni non si sono mai viste.

La prima volta non è stato molto promettente perché il cane è molto felice, ha immediatamente cercato di prenderlo in bocca come faceva  con Romeo, ma Cettina ha avuto un’opinione diversa. Si gonfiò e  iniziò a soffiare  lasciando molto confusa  la nostra Cindy. Comunque lentamente, si sono abituate. Vale a dire, era il gatto che  non  sopportava il cane, Cindy ha sempre voluto giocare con lei. Sfortunatamente  non hanno mai fatto amicizia. Quindi continuano a ignorarsi a vicenda anche se vivono  nella stessa casa. Ma non si davano noia.

Sfortunatamente, qualche anno fa, Cindy è venuta a mancare per una malattia e dopo un po ‘ abbiamo deciso di prendere un altro cane. Questa volta, ci siamo concentrati su Jack Russell, una femmina, e lo abbiamo chiamato Kira. L’abbiamo presa che aveva due mesi e appena sono tornato a casa, Cettina non  si è dimostrata molto socievole iniziando a soffiare quando la  vedeva avvicinarsi.

Poi le cose sono migliorate, ma non molto. Jack Russell è noto per essere molto vivace e giocoso, Cettina ci giocava  un po ‘, ma dopo poco si ritirava  nei suoi posti preferiti. cercando in  tutti i modi  di  evitare il cane. Erano anche un po gelosi l’uno dell’altro. gelosi delle nostre attenzioni che abbiamo dovuto dividere equamente. Poi ogni tanto giocavano insieme, occasionalmente combattendo, ma non c’era molta amicizia tra i due.

Tutto è cambiato quasi all’improvviso. Sono stata ricoverato in ospedale per due settimane, per cui  Kira e Cettina sono rimaste diverse ore al giorno dal sole. Molto probabilmente è stato in questo frangente che hanno stretto amicizia, forse spinte  dalla solitudine.

Ricordo la prima notte in cui ho dormito a casa dopo il mio ritorno dall’ospedale. Sono venute a dormire sul letto, come hanno sempre fatto, perché hanno sempre dormito con noi, anche se uno da una parte e l’altro dall’altra parte, ma sono rimasta davvero sorpreso quando ho visto Cettina, che ha iniziato a lavare Kira come farebbe con un gattino. E tutto questo viene rinnovato ogni sera. Ora dormono vicine, quasi si abbracciano e è improbabile che litigano, anche se il cane è sempre giocoso e vivace e il gatto dopo un po si stanca. Ma hanno trovato la loro armonia e si rispettano l’un l’altro. In effetti, è divertente vedere occasionalmente Cettina, il che  fà gli agguati a Kira, mentre prima cercava sempre di evitarla . Animali, gatti o cani sono un completamento della nostra famiglia. Non potrei pensare di vivere senza. Randagi o razza, grandi o piccoli, ci dà tanta gioia e felicità e soprattutto tanto amore.


Rispondi