Gatto Europeo

E’ quella del Gatto Europeo una delle razze più antiche. Si dice che discenda direttamente dal gatto Egiziano e venisse portato in Europa già al tempo dei Fenici come cacciatore di topi.  I fenici  rubavano questi gatti per rivenderli sulle navi mercantili e militari dove erano molto ricercati come guardiani delle dispense. Venivano rubati e venduti di nascosto perché questi gatti erano tutti di proprietà del Faraone e venivano venerati come divinità. Da lì si sono diffusi poi nelle case e in tutti quei luoghi dove c’era bisogno di cacciare i topi.

E’ facile scambiare questo gatto con un gatto meticcio o randagio, quindi sono pochi gli allevamenti di questa razza, in quanto molti lo snobbano ritenendolo molto simile ai gatti meticci, invece è molto amato specialmente in Italia dove è considerato il micio per eccellenza, per il suo carattere dolce e grazie all’eccezionale capacità di adattarsi a qualsiasi latitudine, clima e ambiente e probabilmente anche al suo aspetto, così proporzionato e privo di dettagli morfologici esagerati (come accade invece in gran parte delle altre razze), oggi l’europeo è il gatto più diffuso al mondo.

Carattere del Gatto Europeo

Il Gatto Europeo è socievole e affettuoso, ha un temperamento indipendente ma si adatta molto bene alla vita in famiglia e anche in appartamento. Intelligente e scaltro, curioso, infallibile cacciatore e grande maestro nell’arte di cavarsela da solo in ogni circostanza, ama molto stare all’aperto, ma apprezza molto i vantaggi della vita casalinga, come cibo assicurato, letti e divani comodi, caldo e affetto della famiglia.

Ama giocare ed è curioso di tutto quello che fanno i componenti della famiglia, anche se si sceglie un umano al quale dedica tutto il suo amore incondizionato, ma è affettuoso anche con gli altri. E’ un gatto molto equilibrato, anche se come tutti i gatti ha i suoi momenti di follia, nei quali corre e salta da ogni parte, ma non disdegna fare lunghi pisolini accanto al suo umano. Non ama molto la solitudine.

Gli piace stare all’aria aperta, quindi una terrazza o un giardino in sicurezza sarebbe l’ideale per questo micio, bisogna stare attenti però, perché nonostante ami la famiglia e la dimora, dato il suo forte istinto predatorio potrebbe allontanarsi anche di parecchio.

Questa razza può mostrarsi timida e diffidente nei confronti degli sconosciuti. Con animali della stessa cucciolata possono essere molto affettuosi l’uno verso l’altro, invece con altre razze di gatti, dovrebbe essere abituato fino da cucciolo e anche con i cani se allevato insieme da piccolo può avere una convivenza tranquilla.  In età adulta  è facile che ci siano problemi.

E’ adatto anche ai bambini  purché i rapporti siano rispettosi e abbia un posto dove rifugiarsi quando i giochi si fanno un po’ troppo caotici.

Aspetto del Gatto Europeo

Il Gatto Europeo è un gatto di dimensioni medie; il maschio  va’ dai 5 ai 7 chilogrammi, la femmina dai 3 ai 5 chilogrammi. E’ un gatto ben proporzionato, con un corpo lungo e muscoloso. La testa è arrotondata con guance ben sviluppate, collo muscoloso come le zampe, che sono robuste, di media lunghezza con i piedi arrotondati. La coda , di media lunghezza si assottiglia verso la punta.

Le orecchie,  distanziate ma ben piantate sulla testa possono avere dei ciuffetti di pelo. Occhi rotondi disposti un po’ in obliquo; il colore dell’iride e molto vario, dipende dal colore del mantello, ma è sempre molto vivace, può spaziare dal blu al verde, al giallo e all’arancio.

Il Gatto Europeo ha il pelo corto, con un sottopelo molto rado, e può essere di tanti colori.  Il pelo infatti può essere tigrato, chiazzato o maculato, con un fondo di diversi colori e tonalità.  I colori spaziano dal grigio al rosso, passando per il bianco ed il nero e la femmina può avere anche 3 colori. Comunque è lucido, aderente al corpo ed elastico.  Il più comune è il tigrato,  è caratterizzato da delle righe scure su un pelo bruno. Molto apprezzati sono anche i tigrati rossi.

Salute e cure del Gatto Europeo

È un gatto forte, robusto e longevo, che gode generalmente di ottima salute in tutto il suo arco vitale. Non presenta una predisposizione a particolari malattie.  Ha un’aspettativa di vita di circa 15 anni, anche se ci sono stati esemplari di 18 e anche di 20 anni. Tende all’obesità quindi è buona cosa curare la sua dieta in modo particolare.

Per quanto riguarda il pelo non ha bisogno di cure particolari, è un gatto che tiene molto alla sua pulizia, basta quindi spazzolarlo una volta a settimana. Solo nel periodo della muta, benché non perda molto pelo, è opportuno spazzolarlo almeno un paio di volte o più a seconda della lunghezza del pelo.

E’ una razza molto prolifica e anche molto precoce, quindi è bene sterilizzarli molto presto, anche per evitare possibili problemi comportamentali.


Rispondi