Sean Connery è morto il 30 ottobre 2020

Perché il sole sorge e tramonta? E le stelle sono solo teste di spillo nel mantello della notte? Chi può saperlo? Quello che io so è che… Poiché tu sei nato diverso… L’uomo ti temerà, ti scaccerà dovunque, come la gente del tuo villaggio.

La frase che avete appena letto è una citazione del film di Highlander che è solo uno dei miei film preferiti in cui appariva l’attore irlandese Sir Thomas Sean Connery.

Stavo lavorando picchiettando sui tasti del mio notebook quando appresi una notizia che mi ha sconvolto. Non ci potevo credere, la notizia mi pareva assurda ed ho voluto controllare praticamente su tutti i siti di informazione che conoscevo per verificare che fosse vera.

Fonte: https://www.bbc.com/news/entertainment-arts-54761824

Sean Connery è morto ripetevo nella mia mente come se cercassi di convincere un amico incredulo della veridicità di una notizia troppo brutta per essere accettata.

Molti lo ricorderanno come James Bond in 007 ma lui era molto più di questo.

C’è un motivo se ho scelto proprio un’immagine ed una frase tratta dal film Highlander. Egli si è sempre professato dalla parte dell’indipendenza della Scozia arrivando anche a tatuare sul proprio braccio la scritta “Scotland for Ever”, fu nominato anche Sir dalla Regina Elisabetta.

Non ha mai parlato di buon grado della sua vita privata e quindi in questo articolo, per rispetto alla sua memoria ed a questa volontà, non scriveremo informazioni al riguardo.

Ha interpretato decine di ruoli con un carisma fuori dal comune. Chi non ricorda il suo sorriso, lo sguardo ed il suo modo di parlare? Innumerevoli sono stati i suoi film, l’ultimo dei quali fu “la leggenda degli uomini straordinari”.

E’ apparso anche in televisione, teatro, ha lavorato come doppiatore, in radio, come regista, voce narrante e tante altre cose. Dotato di uno squisito umorismo, fu nominato dalla rivista “People” uomo più sexy del secolo. Ed anche la mia compagna pare d’accordo in questo.

Giusto per capirci, egli potè permettersi di rifiutare la parte di Gandalf del “Signore degli anelli” e di Albus Silente della saga di “Harry Potter”. Si dice che lo fece perchè non capiva il personaggio di Gandalf e perchè non credeva nella saga di Harry Potter. Personalmente penso che abbia fatto bene, non ce lo avrei visto nei loro panni perchè era dotato di un carisma ti tipo diverso.

Lo apprezziamo infatti per aver interpretato ruoli come Riccardo Cuor di Leone nel film Robin Hood affiancando Kevin Costner o ancora il padre di Indiana Jones per intenderci.

C’è chi sostiene anche che il suo sogno nel cassetto fosse fare i calciatore e non l’attore. Per la fortuna di noi cinefili la vita gli ha riservato un destino diverso sebbene si sia impegnato molto anche nel campo dello sport.

Era molto attivo nella difesa dell’ambiente come membro dell’Advisory Board dell’Organizzazione per la protezione marina chiamata Sea Sheperd.

Sean Connery lasciò il mondo del cinema dopo aver subito un intervento per un tumore ad un rene. E quindi amici miei ricordiamolo per il grand’uomo che era. Una delle poche persone la cui arte sopravvivrà al tempo rendendolo così “immortale”.

Cinema
– Le armi del re (Lilacs in the Spring), regia di Herbert Wilcox (1954) – non accreditato
– Club di gangsters (No Road Back), regia di Montgomery Tully (1957)
– I piloti dell’inferno (Hell Drivers), regia di Cy Endfield (1957)
– La grande porta grigia (Time Lock), regia di Gerald Thomas (1957)
– Il bandito dell’Epiro (Action of the Tiger), regia di Terence Young (1957)
– Estasi d’amore – Operazione Love (Another Time, Another Place), regia di Lewis Allen (1958)
– Titanic, latitudine 41 nord (A Night to Remember), regia di Roy Ward Baker (1958) – non accreditato
– Darby O’Gill e il re dei folletti (Darby O’Gill and the Little People), regia di Robert Stevenson (1959)
– Il terrore corre sul fiume (Tarzan’s Greatest Adventure), regia di John Guillermin (1959)
– Scotland Yard sezioni omicidi (The Frightened City), regia di John Lemont (1961)
– A 077, dalla Francia senza amore (On the Fiddle), regia di Cyril Frankel (1961)
– Il giorno più lungo (The Longest Day), regia di Ken Annakin (1962)
– Agente 007 – Licenza di uccidere (Dr. No), regia di Terence Young (1962)
– A 007, dalla Russia con amore (From Russia with Love), regia di Terence Young (1963)
– La donna di paglia (Woman of Straw), regia di Basil Dearden (1964)
– Marnie, regia di Alfred Hitchcock (1964)
– Agente 007 – Missione Goldfinger (Goldfinger), regia di Guy Hamilton (1964)
– La collina del disonore (The Hill), regia di Sidney Lumet (1965)
– Agente 007 – Thunderball (Operazione tuono) (Thunderball), regia di Terence Young (1965)
– Una splendida canaglia (A Fine Madness), regia di Irvin Kershner (1966)
– Un mondo nuovo (Un monde nouveau), regia di Vittorio De Sica (1966) – non accreditato
– Agente 007 – Si vive solo due volte (You Only Live Twice), regia di Lewis Gilbert (1967)
– Shalako, regia di Edward Dmytryk (1968)
– La tenda rossa (Krasnaya palatka), regia di Mikheil Kalatozishvili (1969)
– I cospiratori (The Molly Maguires), regia di Martin Ritt (1970)
– Rapina record a New York (The Anderson Tapes), regia di Sidney Lumet (1971)
– Agente 007 – Una cascata di diamanti (Diamonds Are Forever), regia di Guy Hamilton (1971)
– Riflessi in uno specchio scuro (The Offence), regia di Sidney Lumet (1972)
– Zardoz, regia di John Boorman (1974)
– Ransom, stato di emergenza per un rapimento (Ransom), regia di Nils Tahivik (1974)
– Assassinio sull’Orient Express, regia di Sidney Lumet (1974)
– Il vento e il leone (The Wind and the Lion), regia di John Milius (1975)
– L’uomo che volle farsi re (The Man Who Would Be King), regia di John Huston (1975)
– Robin e Marian (Robin and Marian), regia di Richard Lester (1976)
– Il prossimo uomo (The Next Man), regia di Richard C. Sarafian (1976)
– Quell’ultimo ponte (A Bridge Too Far), regia di Richard Attenborough (1977)
– 1855 – La prima grande rapina al treno (The First Great Train Robbery), regia di Michael Crichton (1979)
– Meteor, regia di Ronald Neame (1979)
– Cuba, regia di Richard Lester (1979)
– Atmosfera zero (Outland), regia di Peter Hyams (1981)
– I banditi del tempo (Time Bandits), regia di Terry Gilliam (1981)
– Obiettivo mortale (Wrong Is Right), regia di Richard Brooks (1982)
– Cinque giorni una estate (Five Days One Summer), regia di Fred Zinnemann (1982)
– Mai dire mai (Never Say Never Again), regia di Irvin Kershner (1983)
– Sword of the Valiant – The Legend of Sir Gawain and the Green Knight, regia di Stephen Weeks (1984)
– Highlander – L’ultimo immortale (Highlander), regia di Russell Mulcahy (1986)
– Il nome della rosa, regia di Jean-Jacques Annaud (1986)
– The Untouchables – Gli intoccabili (The Untouchables), regia di Brian De Palma (1987)
– Il presidio – Scena di un crimine (The Presidio), regia di Peter Hyams (1988)
– Alla scoperta di papà (Memories of me), regia di Henry Winkler (1988) – non accreditato
– Indiana Jones e l’ultima crociata (Indiana Jones and the Last Crusade), regia di Steven Spielberg (1989)
– Sono affari di famiglia (Family Business), regia di Sidney Lumet (1989)
– Caccia a Ottobre Rosso (The Hunt for Red October), regia di John McTiernan (1990)
– La casa Russia (The Russia House), regia di Fred Schepisi (1990)
– Highlander II – Il ritorno (Highlander II: The Quickening), regia di Russell Mulcahy (1991)
– Robin Hood – Principe dei ladri (Robin Hood: Prince of Thieves), regia di Kevin Reynolds (1991)
– Mato Grosso (Medicine Man), regia di John McTiernan (1992)
– Sol levante (Rising Sun), regia di Philip Kaufman (1993)
– Alla ricerca dello stregone (A Good Man in Africa), regia di Bruce Beresford (1994)
– La giusta causa (Just Cause), regia di Arne Glimcher (1995)
– Il primo cavaliere (First Knight), regia di Jerry Zucker (1995)
– The Rock, regia di Michael Bay (1996)
– The Avengers – Agenti speciali (The Avengers), regia di Jeremiah S. Chechik (1998)
– Scherzi del cuore (Playing by Heart), regia di Willard Carrol (1998)
– Entrapment, regia di Jon Amiel (1999)
– Scoprendo Forrester (Finding Forrester), regia di Gus Van Sant (2000)
– La leggenda degli uomini straordinari (The League of Extraordinary Gentlemen), regia di Stephen Norrington (2003)

Televisione
– Dixon of Dock Green – serie TV, 1 episodio (1956)
– Sailor of Fortune – serie TV, 1 episodio (1956)
– The Condemned, di Patrick Alexander – film TV (1956)
– The Jack Benny Program – serie TV, 1 episodio (1957)
– BBC Sunday-Night Theatre – serie TV, 1 episodio (1957)
– ITV Television Playhouse – serie TV, 1 episodio (1957)
– Blood Money, regia di Ralph Nelson – film TV (1957)
– Anna Christie – film TV (1957)
– Women in Love, regia di Julian Amyes e Joan Kemp-Welch – film TV (1958)
– Armchair Theatre – serie TV, 1 episodio (1958)
– Disneyland – serie TV, 1 episodio (1959)
– ITV Play of the Week – serie TV, 5 episodi (1959-1960)
– An Age of Kings – serie TV, 5 episodi (1960)
– Without the Grail – film TV (1960)
– Riders to the Sea, regia di George R. Foa – cortometraggio (1960)
– Macbeth, regia di Paul Almond – film TV (1961)
– Anna Karenina, regia di Rudolph Cartier – film TV (1961)
– Adventure Story, regia di Basil Dearden – film TV (1961)
– ITV Saturday Night Theatre – serie TV, 1 episodio (1969)
– Male of the Species, regia di Charles Jarrott – film TV (1969)
– España campo de golf (documentario), regia di Raúl Peña – film TV (1972)
– The Dream Factory (documentario), regia di Michael Negrin – film TV (1975)
– Freedom: A History of Us – serie TV, 1 episodio (2003)

Teatro
– Sixty Glorious Years, regia di Robert Nesbitt (1953)
– South Pacific, regia di Joshua Logan (1953)
– Witness for the Prosecution, regia di Robert Henderson (1955)
– Point of Departure, regia di Frederick Farley (1955)
– A Witch in Time, regia di Robert Henderson (1955)
– The Good Sailor, regia di Frith Banbury (1956)
– The Bacchae (Le Baccanti), regia di Minos Volanakis (1959)
– The Sea Shell, regia di Henry Kaplan (1959)
– Anna Christie, regia di Douglas Seale (1960)
– Naked (Vestire gli ignudi), regia di Minos Volanakis (1960)
– Judith, regia di Christopher Fry (1962)
– Doppiatore o voce narrante
– Sean Connery’s Edinburgh (documentario televisivo) (1981)
– G’olé!, regia di Tom Clegg (1982)
– Dragonheart, regia di Rob Cohen (1996)
– Dalla Russia con amore (James Bond 007: From Russia with Love) (videogioco) (2005) – James Bond
– Sir Billi, regia di Sascha Hartmann (2012)

Radio
– After the Funeral, regia di Ian Cottrell (1986)

Regista
– The Bowler and the Bunnet (documentario televisivo) (1967)[22]
– I’ve Seen You Cut Lemons (lavoro teatrale) (1969)
– Sean Connery’s Edinburgh (documentario televisivo) (1981)[22]

Produttore
– The Bowler and the Bunnet (documentario televisivo), regia di Sean Connery (1967)
– Mato Grosso (Medicine Man), regia di John McTiernan (1992)
– Sol levante (Rising Sun), regia di Philip Kaufman (1993)
– La giusta causa (Just Cause), regia di Arne Glimcher (1995)
– The Rock, regia di Michael Bay (1996)
– Art (lavoro teatrale), regia di Matthew Warchus (1998)
– Entrapment, regia di Jon Amiel (1999)
– Scoprendo Forrester (Finding Forrester), regia di Gus Van Sant (2000)
– La leggenda degli uomini straordinari (The League of Extraordinary Gentlemen), regia di Stephen Norrington (2003)
– Sir Billi, regia di Sascha Hartmann (2012)

Discografia
– Pretty Irish Girl, di Oliver Wallace e Lawrence Edward Watkin (1959) (dal film Darby O’Gill e il re dei folletti)
– Ballamaquilty’s Band, motivo tradizionale (1959) (dal film Darby O’Gill e il re dei folletti)
– Peter and the Wolf (Pierino e il lupo), di Sergej Sergeevič Prokof’ev (1966) (voce narrante)

Premi cinematografici
– Premi Oscar: 1988 – Miglior attore non protagonista per The Untouchables – Gli intoccabili;
– Tony Award: 1998 – Miglior attore per Art (Interpretazione teatrale);
– British Academy Film Awards (Premi BAFTA): 1988 – Miglior attore protagonista per Il nome della rosa; 1998 – Academy fellowship;
– Bambi Awards: 1985 – Premio film internazionali;
– Blockbuster Entertainment Awards: 1997 – Attore non protagonista preferito (Azione/Avventura) per The Rock
– Christopher Award: 2001 – Miglior film per Scoprendo Forrester;
– Deutscher Filmpreis: 1987 – Miglior attore protagonista per Il nome della rosa;
– European Film Awards: 1999 – Premio al miglior attore europeo per Entrapment; 2005 – Premio alla carriera;
– Directors Guild of America Award: 1987 – D.W. Griffith Awards al miglior attore non protagonista per The Untouchables;
– Golden Globe: 1972 – Henrietta Award maschile (ex aequo con Charles Bronson); 1988 – Miglior attore non protagonista per The Untouchables; 1996 – Cecil B. DeMille Award alla carriera;
– Jupiter Award: 1986 – Miglior attore internazionale per Il nome della rosa; 1989 – Miglior attore internazionale per Indiana Jones e l’ultima crociata;
– Kansas City Film Critics Circle Awards: 1987 – Miglior attore non protagonista per The Untouchables;
– Laurel Awards: 1964 – Miglior attore debuttante; 1965 – Alloro d’oro per interpretazione in film d’azione per Agente 007 – Missione Goldfinger; 1966 – Alloro d’oro per interpretazione in film d’azione per Operazione tuono;
– London Critics Circle Film Awards: 1988 – Attore dell’anno per The Untouchables;
– MTV Movie Awards: 1997 – Miglior coppia cinematografica per The Rock con Nicolas Cage;
– National Board of Review Award: 1987 – Miglior attore non protagonista per The Untouchables; 1993 – Premio alla carriera;
– Online Film & Television Association Awards: 1997 – Migliore doppiatore per Dragonheart;
– Satellite Awards: 2001 – Miglior attore protagonista per Scoprendo Forrester;
– Variety Club of Great Britain: 1965 – Cuore d’Argento per il miglior attore dell’anno; 1989 – Cuore d’Argento per il miglior attore dell’anno;

Altri premi alla carriera
– American Cinematheque Gala Tribute – 1992
– American Film Institute – 2006
– BBC Scotland – Uomo dell’anno – 1991
– CinEuphoria Awards – 2011
– Premio David di Donatello – David speciale alla carriera – 1977
– Festival internazionale del film di Roma – Marc’Aurelio d’oro alla carriera – 2006
– Film Society of Lincoln Center – 1997
– Gran Premio Internazionale dello Spettacolo (Telegatto) – 2002
– Hasty Pudding Theatricals – 1984
– Karlovy Vary International Film Festival – 2002
– Kennedy Center Honors – 1999
– Palm Springs International Film Festival – 2001
– Royal Scottish Academy of Music and Drama – Fellowship – (1984)
– Saturn Award (Golden Scroll) – Lifetime Achievement – 1995
– ShoWest Convention – 1982 (Premio speciale Star mondiale dell’anno) e 1999 (Premio alla carriera)

Riconoscimenti accademici
– Laurea honoris causa in lettere, Heriot-Watt University di Edimburgo (1981)
– Uomo dell’anno, Università di Harvard (1984)
– Laurea honoris causa in lettere, Università di St. Andrews (1990)

Onorificenze
– Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico;
– Knight Bachelor;
– Cavaliere dell’Ordine della Legion d’Onore (Francia);
– Commendatore dell’Ordine delle Arti e della Letteratura (Francia) ;
– Grand’Ufficiale dell’Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama);

Fonte: Wikipedia


5 commenti su “Sean Connery è morto il 30 ottobre 2020”

  1. Se ne va un ‘icona, rimarrà sempre il mio James Bond preferito. Peccato che hanno venduto la villa a Nizza poteva diventare un museo.

    Rispondi
  2. Bello questo articolo, riporta tutta l’emozione nel pensare che un uomo eccezionale non c’è più.
    Come tanti l’ho amato come attore e come uomo. Stranamente non nei panni di 007, ma nei ruoli più adulti.
    Un fascino, una voce indescrivibile e poi era scozzese!

    Rispondi

Rispondi