fbpx

La razza felina Bombay


Ho una predilezione particolare per questa razza di gatti, tanto è vero che ne ho avuti diversi tutti neri. Infatti questa razza, poco diffusa in Italia e in Europa, mi piace per la sua indole, è coccolona, intelligente, affettuosa e si affeziona non ad una sola persona, anche se ha una predilezione particolare per quello che sceglie come padrone,  ma a tutto il nucleo familiare.

E’ una razza proveniente dall’America, ed è anche abbastanza recente. Questo gatto di razza pura ha il manto a pelo corto, molto lucido e non presenta macchie di nessun tipo. Gli occhi sono la caratteristica peculiare di questa razza, sono di colore ramato, ma è abbastanza raro vedere un gatto di questa razza con quel particolare punto di colore, quindi vanno dal colore oro, al giallo oro al giallo intenso. Sia il nasino che i cuscinetti sotto le zampe sono neri. Gli occhi sono distanziati e le orecchie non molto grandi si piegano appena in avanti. Somiglia in tutto e per tutto a una piccola pantera. Questa razza è abbastanza piccola, i maschi generalmente  pesano intorno ai 5 chilogrammi, mentre le femmine vanno da 3 a 4 chilogrammi. Ha un miagolio diverso da tutti gli altri gatti, infatti miagola piano, che quasi non si sente e in maniera molto dolce e anche molto raramente.

E’ un gatto molto adatto alle famiglie con bambini, a patto che non siano molto rumorosi,  infatti ha molta pazienza ed è molto tranquillo. Non familiarizza molto volentieri con altri gatti, ma accetta il cane. E’ un gatto molto indipendente e ha bisogno dei suoi spazi, preferibilmente al caldo e in posti della casa tranquilli. Ama dormire con il suo padrone e accetta mal volentieri di essere lasciato solo per molte ore. E’ amante del silenzio e delle comodità di casa. Si spaventa facilmente per rumori improvvisi e a differenza di tanti altri tipi di gatti che hanno bisogno di uscire per esplorare e cacciare, è fondamentalmente pigro, amante del relax e non patisce di stare in appartamento. Fà molte fusa e gli bastano poche attenzioni e soprattutto, quando lo richiede, la vicinanza del padrone per essere felice.


Ha una vita abbastanza lunga, si stima dai 18 ai 20 anni e non ha particolari problemi di salute legati alla razza. Ha spesso appetito, per questo non gradisce molto di vedere la ciotola vuota e farà di tutto per farla riempire.  Bisogna però stare attenti alla quantità di cibo che mangia perchè tende a mangiare molto e può andare incontro a problemi di obesità o diabete. Per il resto non ha bisogno di cure particolari se non spazzolare il pelo ogni 2 o 3 giorni. Non è necessario fargli il bagno a meno che non sia necessario per qualcosa che si è attaccato al suo pelo o se si fosse sporcato molto. Anche questa razza come le altre,  ha uno strato protettivo sulla pelle e per non toglierlo è meglio pulirlo con dello shampoo a secco o degli asciugamani umidi.

E’ abitudinario e quindi dorme e veglia sempre nelle stesse ore. Non gradisce molto persone che non conosce e quando questo succede tende a nascondersi e a tornare fuori solo quando se ne sono andate. Se però una persona viene in casa abbastanza spesso, dopo un giusto lasso di tempo, esce allo scoperto e una volta conosciuto diventa un gatto affettuoso anche con questa persona. E’ molto affezionato alla casa o appartamento dove vive e se dovesse essere spostato in un’altro posto, ha bisogno di un pò di tempo per adattarsi. Anche se pigro gli piace giocare specialmente con il suo padrone ed è un gatto abbastanza intelligente al quale si può insegnare a riportare o altri giochi molto semplici.

La sua particolare camminata lenta e sinuosa lo fà assomigliare ad una pantera  in miniatura, ed è questo che la sua creatrice, un’allevatrice del Kentucky, Nikki Orner, aveva come traguardo quando ha incrociato varie razze di gatti neri. La razza è stata riconosciuta negli anni 70, e dall’allevamento iniziale dal quale uscirono circa 100 esemplari, adesso vengono allevati in molti paesi del mondo, ma specialmente in America. In Europa sono molto conosciuti  e apprezzati nel Regno Unito, ma esistono allevamenti in tutti i paesi dell’Unione Europea.

 


Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.