Ricette dei dolci tipici siciliani

I dolci tipici siciliani sono veramente molti, tanto da meritare un articolo solo per loro. Sono dolci complessi e alcuni di non facile esecuzione, ma tutti molto belli da vedere, guarniti con gusto e molto buoni da mangiare. Quindi carrellata di dolci tipici siciliani ad iniziare dai famosi cannoli alla siciliana, alla cassata alla siciliana, alla pasta di mandorle o marzapane e tante altre. Iniziamo con i cannoli siciliani, un dolce veramente conosciuto in tutto il mondo.

Cannoli alla siciliana

Occorrente per i cannoli alla siciliana

  • grammi 270 di farina
  • grammi 40 di strutto (o in alternativa burro)
  • grammi 40 di zucchero
  • 1 uovo intero
  • 1 tuorlo di uovo
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco
  • grammi 50 di Marsala (vino liquoroso prodotto in Sicilia)
  • la scorza di un arancio
  • cannella in polvere, sale e olio di arachide quanto basta
  • grammi 700 di ricotta
  • grammi 200 di zucchero da adoperare con la ricotta per il ripieno
  • ciliegie candite, pistacchio o gocce di cioccolato per guarnire

Preparazione dei cannoli alla siciliana

Iniziamo col preparare il cannolo vero e proprio che poi andrà farcito con la ricotta, e l’impasto per i cannoli và preparato diverse ore prima e lasciato a riposare in frigorifero. Si consigliano almeno 6 ore.

In una ciotola impastate la farina con lo zucchero, lo strutto, l’uovo intero sbattuto, i due cucchiai di aceto di vino bianco, il Marsala, la buccia di arancia grattugiata e la cannella in polvere, amalgamando il tutto e lavorando con le mani formare un impasto piuttosto sodo ed elastico. Avvolgete l’impasto in un foglio di pellicola trasparente e mettete in frigorifero per qualche ora.

Togliete dal frigorifero, lavorare l’impasto con le mani e tagliatelo in tanti pezzetti più piccoli che vanno stesi con un mattarello per formare una sfoglia piuttosto fine. Con una tazza da colazione formare tanti cerchi che vanno un pochino allungati tanto da formare un ovale.

A questo punto per poter friggere i cannoli servono dei cilindri di metallo che si trovano proprio per questo utilizzo e ne occorreranno tanti quanti cannoli vogliamo fare, in quanto prima di togliere il cannolo già fritto dal cilindro, deve essere completamente freddo.

Gli ovali di pasta sfoglia che abbiamo preparato vanno avvolti intorno a questi cilindri e quando saranno tutti pronti con il tuorlo di uovo sbattuto spennellare la superficie. Lasciare riposare qualche minuto prima di friggere i cannoli, poi immergerli in abbondante olio di arachide per circa mezzo minuto girandoli di continuo, passarli quindi nella carta assorbente per togliere l’eccesso di olio.

Intanto che si raffreddano preparare il ripieno.

Setacciare la ricotta e lavorare con la frusta elettrica incorporare lo zucchero.

Riempire i cannoli, che avrete tolto dai cilindri di metallo, con la ricotta e guarnire le due parti con gocce di cioccolato o pistacchi  tritati o fettine di arancia candita e portare in tavola.

Cassata siciliana

E’ la regina della pasticceria siciliana, è molto conosciuta a livello internazionale ed ha un gusto inconfondibile, l’unica pecca è che è un concentrato di zuccheri non indifferente.

La sua preparazione non è facile ed è piuttosto lunga.

Occorrente per la cassata siciliana

  • 4 uova  a temperatura ambiente
  • grammi 120 di zucchero
  • grammi 60 di farina tipo 00
  • grammi 60 di fecola di patate
  • 1 baccello di vaniglia (questo per quanto riguarda il pan di spagna)
  • grammi 800 di ricotta di pecora fresca
  • grammi 300 di zucchero
  • gocce di cioccolata (questo per quanto riguarda la crema di ricotta)
  • grammi 150 di farina di mandorle
  • grammi 150 di zucchero
  • grammi 50 di acqua
  • colore alimentare verde (per quanta riguardo il marzapane o pasta reale)
  • grammi 100 di acqua
  • grammi 50 di zucchero
  • 3 cucchiai di rum (per quanto riguarda la bagna)
  • grammi 200 di zucchero a velo
  • 4 cucchiai di acqua (per quanto riguarda la glassa di zucchero)
  • frutta assortita candita per guarnire

Preparazione della cassata siciliana

Bisogna iniziare a preparare sia il pan di Spagna, che la ricotta il giorno prima. Il pan di Spagna perchè si taglierà più agevolmente senza sbriciolarsi, la ricotta inizialmente và fatta sgocciolare bene per eliminare la maggior parte del siero, poi va mescolata con lo zucchero e coperta da un foglio di pellicola trasparente e messa in frigorifero per almeno 12 ore.

Prepariamo quindi il pan di Spagna.

Per fare questa ricetta avremo bisogno di una planetaria o di frusta elettrica in quanto l’impasto deve essere lavorato a lungo.

Quindi in un ciotola rompere le uova, togliere i semi interni del baccello di vaniglia e aggiungerli alle uova, mettere un pizzico di sale e iniziare  sbattere le uova aggiungendo piano piano lo zucchero. L’impasto ottenuto deve essere spumoso e aumentato di volume, ci vorranno circa 15 minuti. Quando il composto è pronto aggiungere la farina e la fecola di patate, lavorando l’impasto con un cucchiaio di legno molto dolcemente dal sotto in su per evitare che le uova si smontino. Una volta amalgamato il tutto metterlo in una tortiera precedentemente imburrata e infarinata e farlo cuocere in forno già caldo a 160 gradi per circa 50 minuti. Un volta raffreddato tenerlo a temperatura ambiente coperto da una pellicola trasparente per almeno 12 ore.

Prepariamo ora la pasta reale o marzapane. In un tegamino sciogliere lo zucchero con l’acqua, cuocendo a fiamma bassa fino  a che lo zucchero si sia sciolto. Aggiungete la pasta di mandorle e il colorante verde per alimenti. Togliere dal fuoco appena amalgamati gli ingredienti e mettere l’impasto su un piano dove appena freddo verrà lavorato con le mani fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.Per amalgamare bene usare se serve un pò di zucchero a velo al posto della farina.  Con un mattarello spianare l’impasto fino a ottenere una sfoglia di 7 – 8 millimetri di spessore. Prepariamo adesso anche la bagna al rum che servirà a bagnare sia il marzapane che il pan di Spagna. Mescolare all’acqua e al rum lo zucchero ed è pronta all’uso. Iniziamo adesso la costruzione vera e propria della cassata siciliana. Tagliare il pan di Spagna in 3 dischi di uguale spessore. Uno dei tre dischi và tagliato a strisce sia verticali che orizzontali in modo da ottenere dei piccoli trapezzi. Altrettanto và fatto con la sfoglia di pasta reale o marzapane. Questo pezzetti alternati serviranno per coprire il  bordo della tortiera che in questo caso è particolare, infatti il bordo della tortiere è svasato. Una volta coperto tutto il bordo mettere sul fondo della tortiera un altro dei dischi interi del pan di Spagna. Sia il bordo che il fondo a questo punto vengono inumiditi con la bagna al rum avendo l’accortezza di distribuirlo uniformemente su tutta la superficie. Con un coltello affilato togliere la parte in eccesso dei pezzetti che fuoriescono dal bordo della tortiera. Prendere adesso la ricotta che era stata messa in frigorifero e passatela un paio di volte in un setaccio per renderla un impasto soffice e liscio e mescolando aggiungere le gocce di cioccolato. Con un cucchiaio mettere il composto di ricotta  a farcire il dolce livellandolo con una spatola. Sbriciolate il pan di Spagna avanzato e quello tagliato dai bordi e metterlo sopra la ricotta, livellando per bene. Coprire il tutto con pellicola trasparente e lasciare riposare per almeno due, tre ore in frigorifero. Adesso la cassata và girata sopra un vassoio e si passa alla rifinitura. Prepariamo la glassa con cui ricoprire l’intero dolce. Mettere quindi lo zucchero e l’acqua in un pentolino sul fuoco e lasciate cuocere mescolando fino ad ottenere un composto bianco e cremoso che và applicato su tutta la superficie della cassata ancora caldo in modo che si rapprenda appena spalmato. Appena sarà raffreddata guarnire la cassata con frutta candita assortita e mettere in frigorifero fino al momento di servire.

Pane d’arancia siciliano

Occorrente per il pane d’arancia siciliano

  • grammi 200 di farina
  • grammi 200 di zucchero
  • grammi 100 di burro
  • 3 uova medie a temperatura ambiente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 arancia intera, sia succo che buccia grattugiata

per la glassa:

  • grammi 120 di zucchero a velo
  • succo di 1 arancia
  • grammi 40 di arance candite

Preparazione del pane d’arancia siciliano

Mescolare insieme le uova con lo zucchero con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto spumoso. Unire piano piano anche il burro ammorbidito, la farina e la bustina di lievito per dolci.

Con un mixer tritare finemente l’arancia che avremo prima lavata e tagliata a pezzetti. Aggiungere l’arancia tritata al composto e mescolare bene per amalgamare il tutto. Mettere il composto in una tortiera o in uno stampo da plumcake e in forno già caldo a 160 gradi per circa 50 minuti.

Prepariamo intanto la glassa. Sciogliere lo zucchero a velo nel succo di un’arancia per ottenere una specie di sciroppo con il quale spennellare la superficie del dolce dopo tolto dal forno. Guarnire con pezzetti a arance candite.

Biscotti di pasta di mandorla siciliani

Occorrente per i biscotti di pasta di mandorle siciliani

  • Grammi 230 di mandorle già pelate
  • grammi 180 di zucchero
  • 2 uova, solo l’albume
  • 1 cucchiaino di aroma di mandorle
  • buccia grattugiata di mezzo limone
  • ciliegie candite per guarnizione

Preparazione dei biscotti di pasta di mandorle siciliani

Tritate molto finemente con un mixer le mandorle pelate, aggiungete  lo zucchero, gli albumi di 2 uova, la buccia grattugiata di mezzo limone e  l’aroma di mandorle e tritate ancora il tutto per amalgamare bene il composto. Il risultato finale è un composto abbastanza sodo con il quale ricavare palline di pasta che andranno schiacciate con le mani mettendo al centro una ciliegia candita. Una volta pronti i biscotti vanno messi in una teglia piuttosto distanziati e coperti con della pellicola trasparente vanno messi in frigorifero per almeno 7 ore. Trascorso questo tempo mettere la teglia in forno già caldo a 180 gradi per una decina di minuti. Togliere dal forno quando saranno dorati leggermente e servire una volta che sono raffreddati.


Un commento su “Ricette dei dolci tipici siciliani”

Rispondi