Ricette e piatti tipici dalla Calabria

Le ricette tipiche della Calabria sono così tante e varie che sceglierne solo qualcuna è veramente difficile, quindi in maggioranza troverete qua le ricette di Reggio Calabria. La Calabria è una terra ospitale, selvaggia e bellissima con un mare incontaminato e montagne con panorami mozzafiato, e con una tradizione culinaria millenaria. E’ una cucina saporita e gustosa legata ai prodotti della terra e soprattutto a quelli del mare.

In Calabria si producono salumi che hanno una lunga tradizione, il più famoso è la nduja, un salame morbido che si prepara con le parti grasse del maiale e il peperoncino.Oltre ai salumi anche i formaggi. La Calabria vanta una tradizione casearia tra le più antiche del nostro paese. I vari pecorini come il pecorino crotonese o il pecorino del Pollino, il caciocavallo o il burrito del Pollino, tanto per citarne solo alcuni, vengono esportati e gustati non solo in Italia.

Iniziamo con le ricette che sono sia di terra che di mare.

Il primo piatto per le domeniche e i giorni di festa sono i tipici maccheroni, conditi  con un ragù di salsiccia e tanta ricotta salata grattugiata

I maccheroni sono un tipo di pasta fatta a mano non molto difficile da preparare anche se la lavorazione è un pò lunga.

I maccheroni

Occorrente per fare i maccheroni

  • grammi 300 di farina tipo 0
  • grammi 300 di semola
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di olio di oliva
  • un bicchiere circa  di acqua calda

Preparazione dei maccheroni

Mescolare la farina tipo 0 con la semola, aggiungere il sale e l’olio e lavorare l’impasto con le mani aggiungendo piano piano l’acqua. Questo perchè il risultato finale deve essere un impasto abbastanza duro  ma non umido. Farne un panetto e metterlo in frigorifero almeno un’ora. Passato questo tempo lavorarlo ancora un pò con le mani e tagliarlo a pezzi e arrotolando il pezzo con le mani fare un cilindro piuttosto lungo di pasta del diametro di un dito. Preparate tanti cilindri quanti sono i pezzi che avete tagliato. Questi cilindri vanno a sua volta tagliati in pezzi di circa 2 centimetri. A questo punto dobbiamo dargli la forma originale e questo viene fatto arrotolando il pezzetto di 2 centimetri intorno ad un ferro da calza o se non ne avete a disposizione su uno stecchino di legno da spiedini. Arrotolare la pasta allo stecchino e spianate fino a che non abbia ricoperto tutto lo stecchino. Togliere lo stecchino  e a questo punto e avremo ottenuto il primo maccaruni che è appunto una specie di spaghetto piuttosto grossolano bucato.

Ripetiamo la lavorazione per tutti i pezzetti di pasta.

Passiamo adesso a preparare il ragù per condire i nostri maccheroni.

Occorrente per il ragù dei maccheroni

  • Chilogrammi 1 – 1,200 di pomodori pelati frullati
  • grammi 300 di carne suina macinata
  • grammi 300 di carne bovina macinata
  • 2 salsicce (se le trovate quelle tipiche di Reggio Calabria con i semi di finocchio e il pepe nero)
  • 1 cipolla piccola
  • olio di oliva , sale e pepe quanto basta
  • ricotta salata e grattugiata per condire

Preparazione del ragù

In un tegame piuttosto grande mettere qualche cucchiaio di olio di oliva e far soffriggere la cipolla tritata piuttosto finemente.

Aggiungere la carne sia si suino che di bovino e le salsicce spellate e fatte a pezzettini. Regolare  il sale e il pepe e dopo una decina di minuti aggiungete i pomodori frullati.

Fate cuocere a fiamma bassissima e con un coperchio  per circa 6 ore aggiungendo un poco di acqua se serve durante la cottura per evitare che si attacchi. Una volta cotti i maccheroni in abbondante acqua salata bollente, condite con il ragù e grattugiate sopra della ricotta salata.

Pasta e broccoli alla calabrese

Un tipico primo piatto della tradizione di Reggio Calabria

Occorrente per pasta e broccoli alla calabrese

  • Per questa ricetta occorre trovare il broccolo calabrese.
  • Grammi 700 di pasta corta tipo mezze maniche rigate
  • grammi 600 di broccolo calabrese già pulito
  • grammi 100 di formaggio provola o simile
  • 5 filetti di acciughe sotto sale
  • 100 grammi di pecorino stagionato grattugiato
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale, peperoncino e olio di oliva quanto basta,

Preparazione della pasta e broccoli alla calabrese

Pulite e tagliate a pezzi non molto grossi i broccoli e fateli cuocere in abbondante acqua bollente e salata  per circa 15-20 minuti. Non gettate l’acqua di cottura dei broccoli in quanto servirà per cuocere la pasta.

In un tegame con 4 -5 cucchiai di olio di oliva fate cuocere le acciughe tritate finemente con l’aglio anche questo tritato molto fine.

Unite il peperoncino a pezzetti e fate cuocere fino 3 o 4 minuti. A questo punto unite i broccoli  a pezzetti, regolate il sale e fate cuocere ancora pochi minuti. Intanto avrete rimesso sul fuoco l’acqua di cottura e appena sarà bollente mettete la pasta.  Una volta cotta e scolata mettetela nel tegame con i broccoli, unite la provola tagliata a pezzetti e il prezzemolo tritato e mescolate bene. Prima di servirla in tavola  spolverate con abbondante pecorino stagionato grattugiato.

Pesce spada alla calabrese

Occorrente per il pesce spada alla calabrese

  • chilogrammi 1 di pesce spada
  • grammi 300 di pomodori pelati a pezzetti
  • 3 patate
  • 1 spicchio di aglio
  • mezza cipolla di Tropea
  • grammi 10 di capperi
  • grammi 50 di olive nere senza nocciolo
  • olio di oliva, peperoncino, sale  e prezzemolo quanto basta

Preparazione del pesce spada alla calabrese

Per prima cosa mettiamo a cuocere le patate in abbondante acqua bollente senza sbucciarle per una trentina di minuti. (il tempo dipende dalla grandezza delle patate).

In un tegame fate soffriggere la cipolla e l’aglio tritati finemente con 4 cucchiai di olio di oliva  fino a completa doratura. Aggiungere i capperi e le olive e i pomodori pelati a pezzetti e far cuocere 5 minuti. Regolare il sale, il peperoncino tritato e mettere nel tegame il pesce spada fatto a fettine. Fare cuocere circa 6 – 7  minuti girando il pesce più volte. A metà cottura unire anche le patate che avrete sbucciato e fatto a pezzetti e fate amalgamare il tutto. Prima di portare in tavola mettete sopra il prezzemolo tritato.

Alici alla reggina

Occorrente per le alici alla reggina

  • 1 chilogrammo di alici pulite ed eviscerate
  • grammi 80 di pane raffermo o mollica di pane
  • grammi 80 di olive verdi senza nocciolo
  • grammi 25 di capperi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale e pepe nero e olio di oliva  quanto basta

Preparazione delle alici alla reggina

Tritate finemente l’aglio,i capperi, il prezzemolo e unite la mollica di pane e le olive verdi tagliate a rondelle.. Amalgamate bene il tutto.

In una teglia, possibilmente di coccio, mettete qualche cucchiaio di olio di oliva. A coprire tutta la superficie della teglia adesso ponete le alici una accanto all’altra. Condite lo strato con il composto di aglio capperi e mollica e bagnate tutto con  olio di oliva. Continuate alternando strati di alici e composto fino a esaurimento degli ingredienti. Bagnare ancora con olio di oliva e mettere in forno caldo a 180 gradi per 30 minuti.

E adesso passiamo ai dolci tipici.

I cudduraci

Tipici dolcetti che vengono preparati nel periodo pasquale.

Occorrente per i cudduraci

  • grammi 400 di farina
  • grammi 150 di zucchero
  • 3 uova
  • grammi 50 di liquore all’anice
  • grammi 100 di burro a temperatura ambiente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 limone
  • grammi 50 di latte
  • zuccherini colorati per guarnizione

Preparazione dei cudduraci

Impastare la farina con il lievito per dolci, unire le uova. il liquore all’anice, lo zucchero e il burro fatto a pezzettini. Lavorare con le mani fino a che il burro non si sarà sciolto del tutto, aggiungere la buccia grattugiata del limone  e formare una palla morbida e compatta. Mettere in frigorifero la pasta almeno per una ventina di minuti.

Riprendete la pasta e lavorate ancora con le mani. Adesso fate delle palline con l’impasto e date ad ogni pallina la forma che più vi piace, tipo a colomba,  a treccia, o a forma di cuore ma con l’altezza massima dell’impasto di 2 centimetri.

Spennellate con il latte i biscotti e decorate con gli zuccherini colorati.

Infornate in forno già caldo a 180 gradi per 15 – 20 minuti o fino a che la superficie è  dorata.

Pignolata al miele

La pignolata al miele è la versione calabrese della pignolata che si prepara in sicilia.

Occorrente per la pignolata al  miele

  • grammi 350 di farina di grano
  • 4 uova intere
  • grammi 30 di burro
  • grammi 200 di miele
  • grammi 30 di zucchero
  • 1 limone
  • sale quanto basta
  • mezzo litro di olio di semi per friggere.
  • zuccherini colorati per guarnizione

Preparazione della pignolata al miele

In una ciotola rompere le uova, aggiungendo un pizzico di sale  e lavorando l’impasto con un cucchiaio di legno aggiungere piano piano la farina, il burro a fiocchetti, lo zucchero e la buccia grattugiata di un limone. Prendere l’impasto e lavorarlo con le mani fino ad ottenere un panetto compatto e sodo. Mettere la pasta coperta da una pellicola in frigorifero per almeno un’ora. In questo modo si lavora meglio l’impasto.

Tagliare la pasta in tanti pezzetti e arrotolare i pezzetti fino a farli diventare dei cilindri dello spessore di un centimetro. Questi cilindri vanno tagliati  a pezzetti di circa un centimetro a cui cercate di dare una forma rotonda.

Friggere i pezzetti in abbondante olio di semi per friggere fino a che non siano dorati, circa 4 minuti e passateli nella carta assorbente per togliere l’eccesso di olio.

In una ciotola mettete i pezzetti fritti e cospargete il tutto di miele, mescolando bene. Spolverate di zuccherini colorati e servite in tavola.


E' possibile lasciare un commento come utenti registrati al sito, accedendo tramite social, account wordpress oppure come utenti anonimi. Nel caso in cui si desideri lasciare un commento come utenti anonimi si verrà avvisati via email di un'eventuale risposta solo se si inserisce l'indirizzo email (facoltativo). L'inserimento di qualsiasi dato nei campi dei commenti è totalmente facoltativo. Chiunque decida di inserire un qualsiasi dato accetta il trattamento di questi ultimi per i fini inerenti al servizio ovvero la risposta al commento e le comunicazioni strettamente necessarie.


Rispondi